Accesso postero laterale dell’Anca

ACCESSO POSTERO LATERALE DELL’ANCA

L’approccio posterolaterale è il metodo più comune ed utilizzato per la sostituzione dell’anca per la sua mininvasività, adattabilità a qualsiasi tipo di paziente e patologia e per l’eccellente visualizzazione dell’articolazione che permette di impiantare la protesi nella maniera più ottimale. Permette di non intaccare i muscoli abduttori che sono il vero motore dell’anca ed una deambulazione senza difficoltà anche poche ore dall’intervento secondo i protocolli del fast track. (vedi sezione del “recupero rapido”) 

La mininvasività consiste nel distacco di due piccoli tendini dell’anca (extrarotatori) e della capsula che vengono riparati a fine intervento con una restitutio ad integrum dell’anca stessa. Per questa ragione è l’accesso più affidabile ed utilizzata al mondo. Inoltre è la via ideale in caso di revisione di protesi d’anca (ossia quando è necessario cambiare parzialmente o totalmente le componenti). Necessita di alcuni accorgimenti nell’immediato periodo postoperatorio come movimenti estremi di rotazione esterna, flessione e adduzione per non incappare nel rischio di lussazione dell’anca che è comunque un evento molto raro (1%).  

Vantaggi: 

– Salvaguardia degli abduttori 

– Eccellente visualizzazione di tutti i comparti dell’anca 

– Adattabilità a qualsiasi paziente 

– Adattabilità a qualsiasi tipologia di artrosi 

– Facilità nella rimozione di eventuali mezzi di sintesi 

– Sanguinamento minimo con necessità quasi nulle di trasfusioni o drenaggi 

Svantaggi: 

– Restrizioni minori nel postoperatorio 

– necessità di cambiare posizione nel caso di una protesi bilaterale contemporanea 

L’accesso consiste in un’incisione di 8-12 cm (dipende dalla magrezza del paziente) e nello spostamento del grande gluteo che non viene intaccato. L’approccio all’articolazione avviene attraverso la capsula posteriore ed il distacco dei piccoli tendini extrarotatori che verranno riparati alla fine dell’intervento. La chiusura avviene con la riparazione della fascia e della cute. 

Il dr. Giordano esegue la sostituzione dell’anca in pazienti selezionati che sono candidati per questa procedura. Ogni paziente deve essere valutato attentamente per determinare se il paziente e l’anatomia sono adatte. 

START TYPING AND PRESS ENTER TO SEARCH